Artisti

Licciardi – “Giù”

today10 Aprile 2024 8

Sfondo
share close
xr:d:DAF-BotUQTM:5,j:3929810717272825767,t:24022722

Disponibile su tutte le piattaforme digitali e in radio Giù, nuovo singolo del cantautore siciliano Licciardi: un brano intimo, sussurrato, che parla alla propria anima e ha come protagoniste le chitarre.

ASCOLTA IL BRANO: https://songwhip.com/licciardi/giu

“Questo brano racconta un lockdown dell’anima. Un’impossibilità quasi fisiologica di uscire da casa e godere di quello che c’è fuori. Intanto un cambiamento interiore sta avvenendo e tutto perde le sfumature e i dettagli essenziali per stare bene: le giornate sono ‘senza colore’ e diventa difficile anche riconoscersi allo specchio. Il non riconoscersi più lascia il posto alla consapevolezza di non esistere in un mondo oggettivo e alla conseguente presa di coscienza che è necessario un cambiamento.” – Licciardi.

L’ispirazione musicale attinge a dei richiami del passato: la chitarra acustica accordata in tonalità Nick Drake può essere letta come una vera e propria citazione al grande cantautore inglese. Licciardi ha voluto utilizzare anche delle chitarre elettriche con riverberi e delay incalzanti che invece rimandano più a un pop barocco o alternative indie alla The National.

CREDITS
Testo e Musica: Michele Licciardi
Produzione, mixing e mastering: Blapstudio, MIlano.
Chitarra elettrica: Michele Licciardi
Chitarra acustica: Michele Licciardi
Basso elettrico: Michele Licciardi
Batteria: Antonio Polidoro

                                            CHI È LICCIARDI?

“Ciao, sono Michele, ho 31 anni, sono siciliano, nato in un paesino in provincia di Catania, ma da diversi anni abito a Bologna. Come si direbbe in dialetto bolognese, sono il cantautore ‘peso’ per eccellenza! Ovvero il depressone! 
Infatti, più che cantautore mi definirei lo psicologo di me stesso; scrivo canzoni per curarmi, e per non rischiare di impazzire. Infatti, in questi anni, grazie alla mia musica, ho risparmiato tantissimi soldi di psicoterapia, e questo è un primo grande obiettivo raggiunto.
Penso che nel cantare delle proprie paure, ossessioni, inquietudini, non ci sia nulla di male, e anche se fosse, è l’unico modo che conosco”.

Michele Licciardi nasce a Catania il 29/09/1991. Presto si approccia allo studio della chitarra elettrica e, fa parte di diverse tribute band blues e rock della provincia catanese. Si avvicina al cantautorato italiano in età più matura, e compone brani, dei quali alcuni fanno parte del suo primo album solista; Non sono un cantautore alternativo, per Noja Recordings di Carlo Barbagallo.
Il genere musicale è influenzato dagli ascolti più classici del cantautorato italiano, come De Gregori, Dalla, e del cantautorato internazionale come Bob Dylan, Nick Drake fino ad arrivare a cantautori contemporanei come Niccolò Fabi, Damien Rice, Bon Iver, Ben Howard. La ricerca musicale di Licciardi, infatti, è imperniata nel far dialogare la testualità del cantautorato italiano con sonorità di respiro più internazionale ed esterofila.
Dal 2018 è chitarrista della band bolognese indie-pop Lapara, con la quale ha realizzato due EP. Da due anni, in collaborazione con il BlapStudio di Milano, di Antonio Polidoro, lavora al suo secondo disco solista.

 

Instagram

Bandcamp

Spotify

Scritto da: Matteo

Rate it
0%