Artisti

UnFauno – “Ilary Blasi”

today30 Marzo 2024 16

Sfondo
share close

Fuori su tutte le piattaforme digitali e in radio “Ilary Blasi”, nuovo singolo di UnFauno: l’artista romano immagina con romantica ironia un ritorno di fiamma della coppia di VIP romani Francesco Totti e Ilary Blasi su sonorità electro-dance e l’inconfondibile produzione di Matteo Gabbianelli (Kutso).

 

“Un brano agrodolce che parla delle ombre nelle relazioni: tradimenti, insicurezze, abbandoni e altri argomenti sempre ingiustamente esclusi dalla canzone d’autore. Perché ‘certi amori non finiscono ’, altri però sì.” – UnFauno.

“Ciao sono UnFauno e credo nell’amore, nei meme e nella bellezza degli errori. Scrivo canzoni perché costa meno dello psicologo e perché sono stanco di essere conosciuto come ‘quello che ha chiamato mamma la maestra’”.

 

Definito “L’Enrico Papi dell’elettronica italiana” UnFauno racconta storie psicoattive sull’amore, la vita e altre sciocchezze con un sound Elettropop e una originalissima scrittura cantautoriale, anzi come si dice oggi? Ah sì: “Indie”.

Si è già fatto conoscere nel panorama indipendente italiano nel 2021 con l’EP “INSECURITY” pubblicato per Phonarchia Dischi che lo ha portato subito a calcare numerosi palchi italiani. È molto attivo sul web, dove settimanalmente nei suoi video affronta con ironia argomenti musicali e sociali.

Nel 2023 riparte con una serie di singoli che vedono la collaborazione con prestigiosi producer: “Che cazzo ci faccio qui?” prodotto da Axel Legit (Psicologi, Ariete)  “Country Boy”, prodotto da Jack Sapienza con i visual curati dal fotografo sloveno Oliver Takac che vanta il prezioso featuring dei Kutso e “Oggi” prodotto da Marta Venturini (Calcutta, Emma).

Nel marzo 2024 UnFauno torna con “Ilary Blasi” prodotto da Matteo Gabbianelli.

 

CREDITS
Testo: Fauno Lami (UnFauno)
Musica e produzione: Matteo Gabbianelli
Mix e mastering: Kutso Noise Home
Copertina e foto: Gerardo Massaro
Label: Kutso Noise Home
Distribuzione: Artist First

 

Instagram | Facebook | YouTube | Spotify

 

Scritto da: Matteo

Rate it
0%