Artisti Emergenti

SindroMe – “Ma Pensa te”

today19 Dicembre 2023 31 6

Sfondo
share close

E’ uscito su tutte le piattaforme Ma pensa te, il nuovo singolo e il video della cantautrice SindroMe che ne ha scritto il testo con musica, arrangiamento e produzione di Blesss, etichetta Lontano Record, edizioni Starpoint International.

Ma pensa te è un brano intimo con cui SindroMe dopo un lungo percorso artistico e personale, tra musica e studi in psicologia, decidi di spalancare le ali e provare il proprio volo, scegliendone la direzione e il vento. L’incontro, avvenuto alcuni anni fa al Premio Ravera, con il cantautore e musicista Michele Pecora a cui non era sfuggito il talento della giovane Sara, ha dato il via ad una amicizia e un sodalizio artistico importante con la pubblicazione di In tempo da te , Meraviglioso disordine e Ciao. Oggi Sara Paniccià, in arte, SindroMe (confluenza di sintomi) a significare l’equilibrio tra psicologia e musica, tra ascolto e narrazione di sé, esordisce come cantautrice confermando la sua attitudine a raccontarsi attraverso la musica:

“Ma pensa te, è un giro di boa, un’assunzione di responsabilità. Finalmente esco allo scoperto, mi espongo come persona raccontandomi attraverso una canzone che segna un nuovo capitolo del mio percorso artistico. Ho interpretato brani di altri, che mi hanno permesso di crescere e maturare: oggi voglio potermi mettere alla prova. La musica è l’unico mezzo per esprimermi, per tirare fuori quello che ho dentro. La mia terapia”.

SindroMe festeggia la sua laurea magistrale in psicologia clinica, pubblicando un brano che rappresenta un nuovo importante inizio per dare spazio e forma ai propri pensieri, con una scrittura giovane e contemporanea, che non rinuncia con una scelta accurata di parole a tematiche importanti.

 

Ed è vero ogni tanto ti penso

perché non capisco come sia successo

arrivare ad annullarmi per un nulla

sai è un controsenso

 

“Ma pensa te nasce da un momento di ribellione, da una riflessione personale che ho deciso di condividere. Arriva sempre, prima o poi, il momento in cui si ripensa a quante cose diamo importanza condizionati da qualcuno che esercita un forte ascendente su di noi fino al punto, di farci perdere la nostra identità. I sensi di colpa, indotti da un meccanismo manipolatorio, ci privano del nostro colore, delle nostre sfumature, annullandoci. Era nata solo piano voce, con la parte iniziale malinconica e “chiusa”, in una sorta di analisi intima e privata; poi si è sviluppato grazie alla collaborazione con l’amico e produttore Blesss, che ha regalato al brano una svolta e la possibilità di scendere più in profondità, tirando fuori la rabbia, la delusione ed una nuova consapevolezza”.

 

Lasciami-io andare

lasciami-i fare, che a stare male

per te, non ha senso

e lasciami andare

Lasciami guardare

Abbassa la musica

Che devo parlare, shh

 

La collaborazione tra SindroMe e Blesss, giovane talentuoso produttore ha dato vita ad un pezzo contemporaneo, radiofonico ed alternativo, dall’anima pop.“Con SindroMe c’è una grande sintonia e con lei mi sento libero di fare le mie “svirgolate” in musica. Insieme è anche divertente e riusciamo a tirare fuori cose belle, inusuali. Siamo passati dal piano e voce a far da ponte tra la prima parte più intima e la seconda che decolla, con un arrangiamento – conclude Blesss – non lineare ma sperimentale, diverso. Un bel contrasto che rende merito alle sue capacità vocali ed interpretative”. Il video da un’idea di SindroMe ed Elisa Battilà, che ne ha curato la regia, ha come sola interpreta l’artista con alcuni oggetti significativi e significativi. Dall’assenza quasi totale di colore, dal solo piano e voce, esplode nel colore psichedelico e ritmo che ci spalanca le porte di una vera rivoluzione, personale e musicale. Immediato e diretto racconta per immagini parole e musica, con una scelta stilistica ben precisa con cui la giovane cantautrice certifica la sua direzione.

 

https://www.facebook.com/SINDROME.SARA

https://www.youtube.com/@_SindroMe_

https://www.instagram.com/_sindrome/

https://open.spotify.com/intl-it/artist/4b1j59xpV7F0EB4Mq0zS3q?si=UJgxnHLyTTG7T_XqFS-XYQ&nd=1&dlsi=d2f79afdc2d84984

 

Scritto da: Matteo

Rate it
0%