Artisti Emergenti

Jakeb Reel – “Hung Over On You”

today6 Novembre 2023 6

Sfondo
share close

Il 2023 è stato un anno interessante per la musica country, con alcuni giornalisti e fan che sostengono che il genere potrebbe attraversare il suo “momento Nirvana”. Mentre il settore sperimenta un’ondata di innovazione, trasformazione e molta incertezza, molti artisti indipendenti hanno preso in mano la situazione; uno è originario della Carolina del Nord occidentale, Jakeb Reel. Il 27 ottobre 2023 ha visto l’uscita della prima raccolta di musica originale di Reel; uno che promette di mostrare l’amore incrollabile e la dedizione al suo mestiere, oltre ad essere una nuova aggiunta alla continua evoluzione arazzo di musica country.

Per la maggior parte degli artisti, quattro canzoni non sembrano un’impresa; per Reel si è trattato di una vera e propria sfida, che è sembrata impossibile per molto tempo. “Non c’era assolutamente alcun budget”, dice Reel, “questo disco è stato realizzato grazie alle amicizie uniche che ho avuto la fortuna di stringere guidando avanti e indietro da Nashville ormai da anni e al duro lavoro che ci abbiamo messo.” .” Reel è andato a Nashville per la prima volta nel 2019 come side man di Chelsea Lovitt, nativa del Mississippi, e da allora ha fatto frequenti viaggi. Le sessioni per un’uscita da solista erano iniziate ad Asheville circa un anno prima, durante i cinque anni di lavoro di Reel nel sistema carcerario del NC. “Per circa tre anni, guidavo fino a Nashville nei miei fine settimana liberi”, ha detto Reel, “a volte, dopo un turno di dodici ore, scendevo dal lavoro verso le sei del mattino e guidavo direttamente a Nashville, cercando di riposarmi un po’ e di poi vai al concerto. Lunedì mattina presto tornavo a casa, facevo un pisolino e poi tornavo in prigione quella sera; seduto e fissando il muro. Si è dimesso da quel ruolo nel 2021 e da allora vive alla giornata, suonando a qualsiasi concerto possa essere raccolto insieme alla guida in condivisione e al lavoro di falegnameria.

Le sessioni iniziali ad Asheville rimasero nell’inferno dello sviluppo fino al 2022, quando l’idea di realizzare un disco si riaccese con una ritrovata determinazione nel portare il progetto al completamento. “Ho cercato di recuperare ciò che potevo da quelle prime sessioni, ma volevo anche ricominciare da capo; Penso che abbiamo dovuto tirarne fuori un sacco dalla spazzatura, ma li ho ripresi;” “Cryin’ On Me” è anche l’unica canzone dell’EP in cui Reel non suona la batteria; invece, i compiti di batteria sono stati gestiti da Richard Foulk della Darren Nicholson Band. “Ne ho salvati uno o due in più dalle prime sessioni, ma quella è stata sicuramente una delle cose migliori che abbiamo tagliato. La musicalità che siamo riusciti a catturare era semplicemente troppo bella per essere lasciata andare”.

Al timone del produttore c’è Russ T. Nutz, un cantante “volgare tonk” a pieno titolo e da lungo tempo punto fermo dell’underground alternativo. Russ T. Nutz (alias Russell Anders) ha lavorato come ingegnere del suono in diversi album tra cui Dehlia Low (2009) di Tellico, Steady Operator di Town Mountain (2011) e The Big Ol’ Nasty Get Down Vols. 1 e 2. Attualmente lavora on the road come tecnico del suono per la Artimus Pyle Band. “Russ e io ci eravamo conosciuti anni fa tramite alcuni amici comuni; in realtà si era trasferito a Nashville dopo la pandemia e non ci vedevamo da un po’, ma ci siamo riavvicinati e subito dopo stavamo portando a termine le cose. Russ T. Nutz ha trascorso anni in viaggio nel ventre del mondo della musica, autopubblicando due album e girando incessantemente nei circuiti punk rock e nei bar sia con il suo spettacolo che come membro dei Punknecks. “Non penso che avrebbe funzionato senza di lui”, ha detto Reel, “non sarebbe stato realizzato. Ha portato una certa conoscenza e comprensione insieme al giusto atteggiamento e non avrei potuto chiedere un produttore o un tecnico migliore. Penso che insieme ci siamo avvicinati con l’obiettivo di fare molto con molto poco e alla fine abbiamo creato qualcosa di cui siamo entrambi orgogliosi”. Anders e Reel hanno anche unito i loro sforzi per i loro spettacoli dal vivo con Reel che di solito apre lo spettacolo e chiude il set dietro la batteria per Russ T. Nutz.

L’EP presenta un cast impressionante di musicisti; tra loro c’è Daniel Haymore, nativo di Mt. Airy, che, insieme a Ryan Stigmon, fornisce eterei tocchi di pedal steel che avvolgono tre delle canzoni. Taylor Shuck di Louisville, un virtuoso emergente che sta rapidamente guadagnando attenzione nella scena bluegrass di Nashville, mette a punto anche alcuni nodosi riff di banjo in questa versione. Il singolo principale, “(Ballad Of The) Free Bird”, presenta A Tribe of Horsman, la band hard rock di Nashville, via Tulsa, sul punto di pubblicare il loro secondo album in studio.

Il singolo, che finora ha avuto un modesto successo e continua a guadagnare popolarità, è stato pubblicato nella speranza di raccogliere fondi e sensibilizzare il co-autore e amico d’infanzia di Reel, coinvolto nella sua battaglia contro il linfoma. “Ci siamo seduti e l’abbiamo messo a punto con BMI, quindi anche se sta combattendo questa cosa terribile, questo è l’anno in cui è diventato anche un cantautore e ha ottenuto la sua prima co-scrittura”, ha detto Reel. “Anche se la canzone non porta da nessuna parte, c’erano così tante persone di talento coinvolte e tutti hanno dato il massimo per rendere questa cosa speciale… lui non è stato in grado di lavorare come al solito e hanno due figli da sfamare, quindi il potenziale per aiutare uno dei miei amici, la mia famiglia mi ha davvero spinto a pubblicare questo disco.

 

https://open.spotify.com/album/5gbnFjOIBdsQOKMWwtGKgV?si=qzisYvKtRwmTH4j3FJTvZw

 

https://www.youtube.com/watch?v=NjerfR5WUj4&list=OLAK5uy_kEu7sab3lhcjZDXp378jIEdOWv-IKOjug&index=2

 

https://www.instagram.com/jakebreelmusic/

Scritto da: Matteo

Rate it

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%