On Air: Loading ...---

On Air: Loading ...---

Caravaggio - Le cose che abbiamo amato davvero

Caravaggio è rinascita. Caravaggio è resilenza. Caravaggio è arte in musica.
Il cantautore elettronico Caravaggio con la sua "Le cose che abbiamo amato davvero” è uno dei 16 finalisti del prestigioso concorso “Musicultura 2021”.

L’artista giunge a questo traguardo dopo un lungo percorso iniziato nel mese di novembre dell’anno scorso. Partito insieme ad altri 1.123 candidati, è in seguito approdato fra le 63 proposte convocate a testare il loro potenziale dal vivo presso il teatro Lauro Rossi di Macerata. Per tutto il mese di maggio i brani finalisti entreranno in programmazione su Rai Radio 1.

Caravaggio è un musicista particolare, difficile da "ingabbiare" in un genere preciso. La musica sua è libera e nuova proprio come lui. "Le cose che abbiamo amato davvero" è un brano molto particolare. Un inizio leggero con un sound synth pop e poi un'esplosione. Una voce che cambia e si muove come un'onda: mascolina quando serve e più delicata e femminea in altri momenti.
La particolarità di Caravaggio si trasmette sia nel sound che nella sua estetica. Insieme al singolo è uscito un videoclip travolgente. In questo video vediamo il musicista da diverse angolature mentre sul suo volto si alternano differenti makeup. Semplice, ma ipnotico proprio come il brano.
"Le cose che abbiamo amato davvero" nel giro di pochissimo tempo ha fatto grande scalpore tra il pubblico e gli addetti ai lavori.
Musica e testo di “Le cose che abbiamo amato davvero” sono stati creati da Caravaggio che ha curato anche l’arrangiamento con l’aiuto di Pino Saracini. Mix e mastering sono stati affidati a Nick Valente. Lo stupendo artwork della copertina è opera di Andrea Periati.
Andrea Gregori è Caravaggio. Cantante polistrumentista che per dieci anni è stato il frontman della rock band i Godiva, attiva dal 1998 al 2008. L'avventura con la band è contornata di grandi successi, ma una volta conclusa l'artista riprende il suo percorso musicale in solitaria.
Intorno al 2013 Andrea scopre di soffrire di una sindrome particolare: la distonia spasmodica. Si tratta di una malattia che colpisce i muscoli della laringe fino a impedire alla persona anche solo di parlare. Nonostante i medici affermino che non ci sia una cura, lui non si arrende. Nel 2016 grazie all'aiuto e ai consigli di Diana Diaz, ragazza colombiana che ha sconfitto la malattia, riprende la sua vita. Nel 2018 Andrea rinasce dalle proprie ceneri e prende forma Caravaggio. I suoi primi singoli, “L’amore al tempo dei Nirvana” e “La parte migliore di te”, ottengono ottimi risultati in termini di visualizzazioni su Youtube. Fin da subito l’artista non passa inosservato.
Caravaggio non si ferma e tra il 2020 e il 2021 pubblica i brani “Gli impressionisti”, “Petrolini 2020”, “Le cose che abbiamo amato davvero” e “Il cielo su Mulholland Drive"

  • Visite: 324

Licenza SIAE n. 202000000154 - Licenza SCF n. 167/5/21

PAGE TOP